Cassazione Penale, Sez. III, 13 marzo 2019, n. 10927
Inapplicabile la Legge “Tognoli” in caso di parcheggi costruiti con interramenti ottenuti per effetto del riporto di terra. 

In materia edilizia l’applicabilità della speciale disciplina prevista dalla L. 24 marzo 1989, n. 122 (c.d. Legge Tognoli) riguardante i parcheggi a servizio di edifici già esistenti, è stata esclusa in caso di parcheggi costruiti con interramenti ottenuti per effetto del riporto di terra, poiché ciò si pone in evidente contrasto con la condizione, espressamente prevista dal testo normativo, che i parcheggi non comportino alcuna alterazione visibile del territorio, cosa che chiaramente non è possibile qualora un manufatto venisse dapprima costruito al di sopra del piano di campagna e solo dopo venisse artificialmente interrato.

In questi casi è necessario il conseguente ricorso al regime ordinario, previsto per tutti gli interventi che comportino comunque una trasformazione permanente del suolo inedificato, ciò che avrebbe previsto il rilascio di un valido permesso di costruire, circostanza nella fattispecie, non verificatasi.

Tematiche
Categorie
Indici
Contesto geografico
Pertinenza nazionale
Pertinenza regionale
Pertinenza provinciale
App mobile
Clicca qui per scaricare l'app per il tuo cellulare o tablet
App Store
Google Play
Windows Phone
Condividi
Iscrizione newsletter
Nome
Email
QR-CODE
Seguici su Facebook
Seguici su Google Plus
Seguici su Twitter